Aria Rarefatta di Sandro Rossi
chi sono

Non seguire un sentiero già tracciato: va, invece, dove il sentiero non c'è ancora, e lascia la tua impronta.


Ciao a tutti, mi chiamo Alessandro, ma tutti mi chiamano da sempre Sandro, genitori compresi ... sono nato nel 1960 e abito a Mezzocorona, un paese in provincia di Trento a pochi chilometri dai principali gruppi dolomitici. Come molte altre persone ho lavoro, famiglia, hobbies, pratico attività sportive, montagna ... e fortunatamente ho anche il grandissimo Dono di una SALUTE ritrovata.

FAMIGLIA: è tutta la mia VITA, mia moglie Marilena e i miei figli Valentina e Tiziano vengono al primo posto in assoluto. Quasi tutto il sostegno in ogni mia attività, lavorativa o sportiva che sia, arriva da loro, non riesco proprio ad immaginare la mia vita senza di loro ...

HOBBIES & SPORT: leggere, dipingere, fotografia, imparare lingue straniere, viaggiare e conoscere gente nuova, correre e andare in montagna...

MONTAGNA: la mia principale passione dopo la famiglia e il lavoro, tant'è che, anche su invito di diversi amici, mi sono deciso ad aprire questo sito web, cercando di raccontarvi questa parte di me, sperando di riuscire a trasmettervi almeno qualche ritaglio delle emozioni che ho vissuto e che sto vivendo grazie alla Montagna.

SALUTE: voglio menzionarla in quanto senza questa TUTTO sarebbe DIVERSO ... alcuni anni fa ho avuto la sfortuna/fortuna di imbattermi in un carcinoma ... la sfortuna è chiaramente immaginabile, operazioni chiurgiche, terapie radioattive, pensieri e preoccupazioni, esami clinici, controlli periodici, ... la fortuna, anzi le fortune, perchè sono più di una ... sono:

  • guarire, sicuramente è la prima e più importante di queste fortune
  • capire dalla malattia che la VITA non è solo LAVORO & CARRIERA ...
  • che c'è dell'altro ... molto più importante, come la Famiglia
  • quindi tornare a casa dai propri cari in orari umani
  • riprendere gli hobbies e gli sports precedentemente trascurati e/o accantonati
  • fare un viaggio di piacere con i propri cari
  • ...
  • che con un pò di fortuna, con la tenacia la volontà e l'aiuto dei medici, l'epilogo può essere positivo e il cancro si può vincere.

Tutte queste consapevolezze sono emerse dopo la malattia, ringrazio quindi tutti i giorni il Signore, soprattutto per la guarigione, ma anche per la malattia, che mi ha aperto gli occhi e mi ha fatto vedere cosa conta veramente ...


Ancora MONTAGNA: l’amore per la montagna è nato in me fin da piccolo, quando insieme a mio padre e agli zii paterni andavo nelle Dolomiti di Brenta, per me quei momenti erano avventura allo stato puro. Oggi vado in montagna con la stessa curiosità e vitalità, provando le stesse, identiche, emozioni e sensazioni di quando ero ragazzino.

La montagna può essere maestra in tante cose, utili anche nella normale vita quotidiana; in una spedizione impari a convivere con i compagni (per più giorni a stretto contatto in una piccola tenda), a soffrire in silenzio il freddo, la sete, … , capisci che per arrivare alla meta ambita bisogna faticare e sudare, e impari ad apprezzare molte cose spesso date per scontate, come un letto, l'acqua potabile sempre disponibile, una doccia, poter mangiare usando la sedia e appoggiando il piatto su un tavolo, … .

La montagna è molto altro ancora, come la possibilità di vedere luoghi nuovi, incontrare persone e culture diverse dalla tua, con cui rapportarsi e confrontarsi, e scoprire che in fondo siamo tutti uguali e tutti sostanzialmente cerchiamo la pace e la felicità.

Tutte queste emozioni sono presenti comunque, con o senza il raggiungimento delle vette programmate, il momento della cima è sicuramente entusiasmante, ma l’esperienza vissuta è grandissima a prescindere dal risultato, è un “continuus” che inizia ancora a casa con la programmazione, procede per tutta la durata della spedizione, e prosegue anche al ritorno, con i propri cari e gli amici, raccontando a loro la tua ultima esperienza vissuta.

Regola aurea per ogni esperienza alpinistica: raggiungere la cima non è poi così importante, l'obiettivo assolutamente primario è quello di tornare a casa dai propri cari con le proprie gambe ... .

Buona navigazione a tutti                       Sandro

Visitatore numero



Homechi sonoUn pò di storia ... recenti esperienze extraeuropeeprossima esperienza extraeuropeaVisibilitàSponsorvolti, espressioni, emozioniaforismi e citazioniPoesiecome contattarmiLascia un tuo commento